Semplifica la tua vita in studio
il Magazine di TeamSystem Studio
per Commercialisti e Consulenti del lavoro

Rating Advisor: il nuovo ruolo del commercialista

03.06.2021 | | Digital Finance

POST BLOG_799X444_shutterstock_347798435_Rating advisor

Con il nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza cambia il ruolo di commercialisti e consulenti aziendali. La normativa, la cui entrata in vigore è prevista per il prossimo settembre, segna un cambio culturale nella gestione delle crisi d’impresa, non più improntata su un approccio puramente backword-looking sull’analisi dei dati a consuntivo, ma sostenuta da un’analisi previsionale volta a intercettare segnali di crisi prima del manifestarsi della stessa. 

Commercialisti e studi professionali sono pertanto chiamati a fornire un supporto concreto alle imprese e ad affiancare la consulenza fiscale alla consulenza finanziaria.

Per soddisfare questa esigenza, gli studi professionali necessitano di efficaci strumenti di risk management e di monitoraggio, al fine di rilevare per tempo i segnali di allerta dello stato di crisi.

Scopri Check Up Impresa

Salute d’impresa: gli indicatori della crisi

Il sistema di allerta proposto dalla normativa prevede il monitoraggio a cadenza trimestrale di 7 indicatori, organizzati secondo uno schema gerarchico. 

Il primo di tali indicatori è il patrimonio netto. Qualora questo, a causa delle perdite conseguite nell’ultimo esercizio, dovesse risultare negativo o inferiore alla soglia di legge, si deve presupporre ragionevolmente lo stato di crisi dell’impresa.  

A seguire, l’analisi dev’essere orientata alla proiezione delle condizioni di liquidità dell’impresa su un orizzonte temporale di 6 mesi e al calcolo del DSCR, il Debt Service Coverage Ratio, ovvero l’indice che misura la capacità dell’impresa di ripagare i debiti finanziari in relazione ai flussi di cassa liberi previsti nell’orizzonte temporale considerato. 

Per il calcolo del DSCR possono essere utilizzati due metodi:

  • la stesura di un budget di tesoreria, che rappresenti le entrate e le uscite di disponibilità liquide attese dall’impresa nei successivi sei mesi;
  • il metodo basato sul rapporto tra i flussi di cassa complessivi liberi al servizio del debito attesi nei sei mesi successivi e i flussi necessari per rimborsare il debito non operativo che scade negli stessi sei mesi.

La scelta del metodo per il calcolo del DSCR è lasciata agli organi di controllo dell’impresa. Tuttavia, le imprese più piccole non sono spesso dotate di una struttura gestionale e organizzativa adeguata a dare una stima affidabile del DSCR. Per questo motivo, se il DSCR non è disponibile o non è sufficientemente affidabile, è affidato al monitoraggio di 5 indici, le cui soglie di allerta sono differenziate per 10 settori di attività.

Gli indici di settore analizzabili sono: sostenibilità degli oneri finanziari, di adeguatezza patrimoniale, di liquidità, di ritorno liquido dell’attivo, di indebitamento previdenziale e tributario.

Salute d’impresa: il rating

Prima della formulazione della nuova normativa sulla crisi d’impresa, la dottrina finanziaria aveva già individuato uno strumento di monitoraggio della salute dell’impresa: il rating.

Il rating che, secondo definizione, è un giudizio sulle capacità di un soggetto di ripagare i debiti contratti, costituisce infatti anche una certificazione della salute dell’impresa e della sua capacità di far fronte a situazioni macroeconomiche avverse.

Sebbene non rientri tra gli indicatori previsti dalla normativa, il monitoraggio del rating può evidenziare il percorso dell’impresa nel tempo; in altre parole, se gli indicatori della crisi segnalano se l’impresa si trova o meno in uno stato di allarme, il rating evidenzia il trend di crescita, permettendo di individuare per tempo i fattori di criticità.


Fino a qualche tempo fa, il rating era un’informativa utilizzata principalmente dagli operatori finanziari al fine di valutare l’ammissibilità di un’impresa al finanziamento; oggi, invece, grazie allo sviluppo delle tecnologie finanziarie, anche imprenditori e consulenti possono conoscere facilmente il rating d’impresa. E commercialisti e studi professionali sono chiamati a svolgere il ruolo di rating advisor, la figura preposta a monitorare la salute dell’azienda e a guidarla verso le opportunità di finanziamento e crescita più confacenti al suo stato di salute economico-finanziaria.

Check Up Impresa per gli studi professionali

Per facilitare il lavoro di commercialisti e consulenti nel monitoraggio della salute d’impresa, TeamSystem ha realizzato insieme all’agenzia di rating modefinance una soluzione unica per il calcolo degli indicatori della crisi e del rating d’impresa: Check Up Impresa.

La soluzione automatizza tutte le attività di analisi e monitoraggio della salute d’impresa, dall’acquisizione dei bilanci fino all’elaborazione del rendiconto finanziario e del calcolo DSCR a 6 mesi. Inoltre, consente di calcolare il rating dell’impresa e le sue possibilità di accesso al Fondo Centrale di Garanzia, fornendo tutti gli strumenti per la valutazione delle possibilità di accesso al credito.


Scopri Check Up Impresa

 

Check up Impresa img
TS Incassa Subito img
SCARICA-LA-GUIDA-GRATIS_title.jpg
WHITE-PAPER_COVID19_healthy_workspace_copertina

FASE 2: la sicurezza delle persone riparte dalla ISO 45001 - Guida

Iscriviti alla newsletter

Guide, webinar, approfondimenti per il tuo business.