Semplifica la tua vita in studio
il Magazine di TeamSystem Studio
per Commercialisti e Consulenti del lavoro

Le regole per il Superbonus 110% per il condominio minimo

13.05.2022 | | Digital Finance

POST 799_444_shutterstock_1257354715_SUPERBONUS + CONDOMINIO + CASA

Condominio e condominio minimo: la legge 234/2021 inserita nella Legge di Bilancio 2022 ha prorogato fino al 31 dicembre 2025 la possibilità per entrambe le tipologie di edificio di accedere al Superbonus 110. Una notizia attesa che può rivelarsi decisiva per molti cittadini e per il comparto dell’edilizia. Cosa c’è da sapere in dettaglio su questa proroga? Quali sono le regole per i condomini che vogliono accedere al Superbonus 110%?

Scopri TeamSystem Ecobonus

Superbonus 110%: cos’è il condominio minimo

Si definisce condominio minimo un edificio composto da minimo due e massimo otto unità immobiliari, ognuna dotata di proprietario differente. Il condominio minimo, per la sua conformazione, non necessita di un’amministrazione condominiale, obbligo che invece sussiste quando in un solo plesso si trovano più di otto unità immobiliari con differente proprietario.

All’interno dei condomini e dei condomini minimi è possibile accedere al Superbonus 110% sia quando i lavori riguardano singole unità immobiliari, sia quando sono relativi agli edifici condominiali. Tra i due interventi variano però le metodologie per il calcolo del limite di spesa.

Condominio minimo e Superbonus 110%: la Legge di Bilancio 2022

La Legge di Bilancio 2022 ha apportato molte novità riguardo alle regole per usufruire del Superbonus 110% nei condomini e nei condomini minimi. La più importante è senz’altro l’abbassamento graduale dell’aliquota di detrazione:

  • Aliquota 110%: sarà possibile usufruirne fino al 31 dicembre 2023
  • Aliquota 70%: sarà in vigore dal 1° gennaio 2024 fino al 31 gennaio 2024
  • Aliquota 65%: sarà in vigore dal 1° gennaio 2025 fino al 31 gennaio 2025

In seconda battuta è stato confermato che dal 1° gennaio 2023 gli interventi potranno essere richiesti solo dai condomini con un minimo di due e un massimo di quattro unità, anche quando il proprietario è lo stesso.

Non vengono invece toccati i parametri che delineano quali sono gli interventi trainanti in grado di sbloccare il Superbonus 110%, ovvero i lavori di riqualificazione energetica che consentono un salto di due classi energetiche.

Le regole per i condomini minimi

Le regole per i condomini che vogliono accedere alla misura del Superbonus 110% sono state riepilogate dall’Agenzia delle Entrate nella risposta del 14 dicembre 2021 all’interpello numero 809. Nel dettaglio il legislatore si è concentrato su tre diversi aspetti:

  • Pagamenti;
  • Sostituzione dell’impianto di riscaldamento, con nuove regole su interventi trainanti e trainati;
  • Installazione delle grate alle finestre.

In ogni caso l’Agenzia delle Entrate ha confermato che gli interventi trainanti e trainati da effettuare devono determinare un miglioramento di due classi energetiche. Il miglioramento deve essere dimostrato dalla presentazione di un Attestato di Prestazione Energetica (APE) prima e dopo l’intervento.

Condominio minimo e Superbonus 110: i pagamenti

Il condominio minimo, come accennato a inizio articolo, non ha l’obbligo di nominare un amministratore. Pertanto, i pagamenti da effettuare al fornitore possono essere eseguiti seguendo due strade. La prima è quella di pagare in autonomia ognuno la propria quota, attraverso fatture singole intestate ad ogni condòmino. La seconda invece è quella di pagare il totale attraverso un’unica fattura intestata a un condòmino incaricato.

In qualsiasi caso ogni condòmino può decidere in autonomia come usufruire delle detrazioni, se attraverso una detrazione in fase di dichiarazione dei redditi, oppure attraverso sconto in fattura o cessione del credito.

Sostituzione dell’impianto di riscaldamento

L’Agenzia delle Entrate ha anche confermato che la sostituzione della caldaia di riscaldamento condominiale con un sistema di alimentazione basato su biomasse combustibili è rappresentabile come intervento trainato. Ciò significa che deve essere agganciato a un intervento trainante e che i due interventi devono essere eseguiti congiuntamente per poter accedere al Superbonus 110%.

Installazione delle grate

Uno dei chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate riguarda la sostituzione delle grate alle finestre. Secondo quanto affermato anche questa operazione può essere ammessa al Superbonus 110%, sempre che la stessa sia, dopo verifica di un tecnico, congrua alle spese sostenute e collegata alla realizzazione degli interventi agevolati.

TeamSystem Ecobonus: al servizio delle pratiche di Superbonus

TeamSystem Ecobonus è un software collaborativo che vuole supportare aziende e professionisti coinvolti nella gestione dei Superbonus, come studi tecnici, aziende costruttrici, commercialisti, CAF e condomini. Attraverso TeamSystem Ecobonus è possibile gestire agevolmente pratiche di Ecobonus, Sismabonus, Bonus Facciate, Bonus Ristrutturazioni e Superbonus 110%. La soluzione, che si configura come una piattaforma collaborativa in Cloud che permette l’accesso a tutte le parti coinvolte, garantisce un’amministrazione completa e precisa di tutta la documentazione legata a queste tipologie di intervento.

 

Scopri TeamSystem Ecobonus

TeamSystem Ecobonus
SCARICA-LA-GUIDA-GRATIS_title.jpg
GUIDA_ECOBONUS+SISMABONUS_commercialisti

Ecobonus e Sismabonus al 110% - GUIDA

Iscriviti alla newsletter

Guide, webinar, approfondimenti per il tuo business.